Vai al contenuto

Agli studenti dei dipartimenti di ingegneria – Comunicato rappresentanti n.1/2013

Oggetto: la questione appelli straordinari, proposta organizzativa

Carissimi colleghi dei dipartimenti di ingegneria,

il ruolo dei rappresentanti degli studenti, che avete eletto lo scorso novembre, è quello di farsi portavoce dei bisogni degli studenti e gestire quelle situazioni di disagio e incomprensione fra studenti, professori e segreterie che spesso inficiano l'esperienza universitaria.
Stiamo lavorando perché, come la chiamiamo noi, la "questione appelli straordinari" venga gestita nella maniera più consona, affinché gli studenti abbiano sempre più appelli a disposizione, per quei corsi che ne dimostrassero la necessità, e i professori possano rivolgersi ad una figura ufficiale e costante senza che studenti coraggiosi prendano l'iniziativa di raccogliere e consegnare firme di cui spesso è messa in dubbio, purtroppo, la veridicità.
I vostri rappresentanti potrebbero curare questi rapporti studenti professore, per avere più voce in capitolo e per intraprendere una strada di ufficializzazione dei rapporti, su questo tema e su molte altre questioni.
La nostra proposta è strutturata nella seguente procedure, che provvederemo a stendere in forma più ufficiale, nel caso passasse l'approvazione popolare.
  1. Gli studenti dei diversi corsi e ordinamenti potranno sottoporre una richiesta informale per un appello straordinario in qualsiasi momento rivolgendosi ai rappresentanti di persona o scrivendo una mail all'indirizzo:  rapp.ing.unitn@gmail.com, almeno 30 giorni prima della data presunta dell'appello;
  2. I rappresentati contatteranno il professore interessato per verificarne la disponibilità e le possibili date;
  3. Verrà reso disponibile il modulo standard per la raccolta delle firme, presso il nostro ufficio e presso la nostra pagina web http://asileonardo.wordpress.com/category/rappresentanti/moduli/, che dovrà essere consegnata in forma cartacea;
  4. I rappresentati cureranno la verifica delle firme e sottoporranno il modulo allegato alla richiesta, riportando poi il responso sulla bacheca di facoltà o sempre sulla pagina web.
Siamo convinti che canalizzando e i rapporti con il corpo docenti su un unico ente studentesco la nostra voce possa essere più forte e più chiara, perché ci siano più appelli e perché il peso organizzativo non ricada in toto sui professori, già oberati di lavoro.
Sperando di aver bene interpretato un bisogno, quanto mai evidente, degli studenti ci impegnamo a svolgere al meglio l'incarico che ci è stato affidato.
Trento, 22 aprile 2013
I rappresentanti degli studenti

[polldaddy poll=7053701]

Lascia un commento